Vergogna

So bene che in chi mi legge, per la maggior parte, troverò poca considerazione e empatia, ma signori, forse non ve ne siete accorti ma, con l’ultimo DL o DPCM , il governo mette la parola fine alla Repubblica per instaurare una Monarchia.

Il primo ministro che doveva salvarci dalla sfascio e farci uscire dalla pandemia, non ha fatto che promulgare a raffica Dpcm e DL che hanno di fatto imposto una dittatura sanitaria. IL Parlamento non esiste più!

Il vaccino obbligatorio e le ultime restrizioni per chi non è vaccinato è la prova provata di come questo paese stia scivolando ogni giorno di più in una dittatura.

Ora se uno non ha il GP non potrà accedere a nulla che non sia pura sopravvivenza. Neppure potrà entrare in Posta per ritirare la pensione.

E questo perché? Perché chi non si vaccina ha la peste? No, semplicemente perché a Draghi sta sull’anima quel 10 e anche meno per cento di italiani che non seguono i suoi diktat.

Il vaccino NON ha frenato i contagi, anzi, il GP li ha aumentati, dunque di che parliamo?

Si tratta di capire fino a che punto gli italiani accetteranno questa “narrazione” della pandemia e degli effetti del vaccino e si faranno schiavizzare con pass di ogni tipo per poter fare qualsiasi cosa.

La caccia alle streghe è iniziata da un pezzo ma il popolo sovrano sta a guardare e non solo, ma c’è anche chi scaglia anatemi contro una minoranza che non ha alcuna colpa se non quella di  possedere ancora un barlume di spirito critico.

 

VERGOGNA ITALIA non sei più il mio paese!

13 commenti su “Vergogna”

  1. Per la Posta non è vero. La pensione potrà essere ritirata anche senza dimostrare vaccinazione. Ma chi ancora usa questo metodo anziché fare accreditare su un qualunque conto corrente è un po’ primitivo!
    In Francia il Green Pass è legge. In Austria obbligo di vaccino per tutti.
    Dittature anche quelle? E non parliamo di tutti gli altri Paesi. Voi no vax provate ad andare negli altri Paesi senza un qualche documento vaccinatorio e vedrete se vi fanno entrare!

    R
    Paolo si informi meglio, per la posta è vero, purtroppo ed è la cosa più sconcertante: persone che hanno lavorato una vita non possono più andare a riscuotere la pensione se nn esibiscono il green pass, lo trovo semplicemente intollerabile. Per gli altri paesi si informi meglio: sono tutti meno restrittivi e inutilmente vessatori che da noi.
    Prenda nota: per questa volta passi, ma se mi chiama ancora novax le cancello il post e se insiste la metto in spam

  2. Non parlerei di dittatura, ma di semplice “commissariamento”.
    Il commissariamento è una pratica che si usa per le amministrazioni periferiche quando non funzionano, oppure per realizzare qualcosa di complesso e importante (tipo le olimpiadi).
    In tempo di guerra entra in vigore la legge marziale, che è sempre una forma di sospensione della libertà a tempo.
    Il commissariamento è temporaneo e dura quanto dura l’emergenza.
    La dittatura, invece, dura a tempo indeterminato e, di norma, il dittatore promulga leggi che lo autorizzano a restare al potere.
    A livello di metafora la nostra la possiamo chiamare anche dittatura, ma non lo è.

  3. Pierpaolo Sileri viceministro alla salute ha appena detto da Floris rispondendo ad uno che gli contestava il Green Pass: ” Vi renderemo la vita impossibile perchè il non vaccinato è pericoloso”, io penso che sia lui molto pericoloso e che dovrebbe dimettersi immediatamente per la palese discriminazione che fa verso cittadini che con le proprie tasse gli pagano lo stipendio.

  4. Un uomo di governo non dovrebbe mai parlare così a un cittadino. Sembra addirittura una minaccia.
    Non c’è un’opposizione politica che ne chieda la sfiducia?

  5. Ieri a “Non è l’Arena” si è discusso di medicina territoriale e di anticorpi monoclonali.
    Di come si è trascurata la potenzialità dei medici di famiglia, e dello scandalo degli anticorpi monoclonali di cui in Italia sì è fatto pochissimo uso, nonostante si producano a Parma e vengano forniti anche all’estero. Né Bassetti, né Sileri hanno dato una spiegazione plausibile.
    Eppure se somministrati in tempo utile sono un farmaco fondamentale per debellare le malattia.
    Motivo di più perché Speranza con tutto il suo staff dovrebbero dimettersi.

  6. X sra Gazzato: signora Gazzato, Le parlo in assoluta buona fede e sono certo che è anche questo il suo spirito. Perchè mi accusa di parlare di affari e fissazioni miei se mi permetto di dire che quando si parla di statistiche, percentuali, chiusure più o meno rigide,dittatura ,eccetera, bisogna prendere in considerazione coloro ( e sono tanti!) che comprano e fanno vaccini falsi. E se mi permette sono doppiamente condannabili: in primis perchè sbraitano contro il GP e d’altro lato se lo comprano e poi perchè è il sistema più letale per diffondere l’epidemia. Cosa ho detto di osceno?

    R
    nulla, ma lei sa benissimo che non è cosi che si è espresso in precedenza non faccia il furbo. In quanto ai furbi ci sono sempre stati e sempre ci saranno non si fissi solo chi lei strumentalizza ( non è come dice lei: i contagi si sono diffusi proprio grazie al GP) per gettare fango su tanta gente che si comporta in modo corretto. E ripeto, se vuole scrivere qui non faccia il furbo!
    Ora che l’ha detto però cambi disco per favore.

  7. A proposito della sparata di Sileri di voler “rendere la vita difficile a chi non ha il green pass”, per salvaguardare la vita degli altri –dogma che qui spesso viene ripetuto- la rivista scientifica Lancet, secondo uno studio effettuato, lo smentisce:
    “l’impatto della vaccinazione sulla trasmissione delle varianti circolanti non sembra essere significativamente diverso dall’impatto tra le persone vaccinate”. Dunque è vero che il green pass, come spesso ho sostenuto, non raggiunge affatto lo scopo per cui è nato, ossia proteggere un ambiente in cui possono accedere solo persone vaccinate. Insomma, il green pass non ha giustificazione scientifica e si conferma una vera discriminazione verso i non vaccinati.

    Sileri, fra l’altro, non è la prima volta che riceve smentite di ciò che afferma perentoriamente: in Parlamento, tempo fa affermò: “Sento dire che i vaccinati si prendono il virus e lo trasmettono. Una bugia, una falsità”. S’è visto.
    Ieri a “Non è l’Arena” si è discusso di medicina territoriale e di anticorpi monoclonali, di come s’è trascurato di utilizzare in pieno una grande risorsa contro la pandemia, ossia i medici di famiglia; in merito agli anticorpi monoclonali è emerso come di tali farmaci in Italia s’è fatto pochissimo uso (solo cinque regioni inizialmente!), benché sono utilissimi per combattere la malattia, se somministrati in “tempi brevi” dalla comparsa dei sintomi.
    Li produciamo a Parma e vengono forniti anche all’estero, però da noi sono stati quasi ignorati. Su questa negligenza scandalosa, Sileri non ha dato una spiegazione plausibile.
    Tutti buoni motivi per ritenere inadeguato al ruolo il ministro Speranza e lo staff a cui si appoggia.
    R
    di cui ormai da tempo immemore chiedo le dimissioni.

  8. Alessandro, la situazione non si può presentare semplicisticamente in bianco e nero.
    D’accordo che i vaccinati possono contrarre la malattia, ma la contagiosità dipende da quanti virus hanno addosso.
    Se contraggono la malattia in forma meno grave le goccioline che sputano contengono meno virus.
    Se la malattia dura meno hanno meno probabilità di trasmetterla.
    Gli anticorpi monoclonali sono molto più sperimentali e molto meno testati dei vaccini. Perché ci dovremmo fidare di questi e non degli altri?
    Sono d’accordo sul fatto che si sono usati poco i medici di famiglia, ma anche loro non sono eroi e la paura che i pazienti si riversassero nei loro studi era tanta.
    Forse ci sarebbe voluto uno sforzo maggiore nella diagnostica a distanza, nei consigli terapeutici mirati, e non limitati al paracetamolo unito alla vigile attesa.
    Però io sono sempre dell’idea che una valutazione seria si deve fare sempre in forma comparativa.
    Pensiamo che un ministero composto da altri personaggi avrebbe funzionato meglio? Non ne sarei tanto sicuro.
    Quanto alla richiesta di dimissioni, faccio notare che chi chiede di cambiare 4 carte a poker non vince quasi mai.

    R
    ci andrei piano con le “valutazioni scientifiche” e le dimissioni di persone che “lavorano per noi” si chiedono quando lavorano male, proprio lei che è un grande estimatore della cancellazione dell’art. 18 ora difende dei “poveri dipendenti statali”…tanto più se ne deve chiedere le dimissioni , tanto più sono gravi gli errori commessi che influiscono sulla vita e sulla pelle delle persone.

  9. Luigi, lo studio presentato da Lancet conclude che vaccinati e
    non vaccinati possono trasmettere il virus in egual modalità ed intensità. Insomma non è vero che il vaccinato trasmette meno del non vaccinato la malattia.
    Gli anticorpi monoclonali sono curativi e non preventivi. Servono a salvare la vita e chi s’è preso il virus, meglio che lasciarlo morire nella “vigile attesa”. Il vaccino è preventivo, si somministra ad una persona sana in previsione che possa prendere la malattia.
    Sono due cose diverse, e non ho detto che bisogna fidarsi più degli uni che degli altri, entrambi devono essere testati sufficientemente prima di essere somministrati.
    Io penso che un ministro e lo staf debbano essere giudicati dai risultati ottenuti: siamo tra i peggiori per numero di morti in Europa, i Paesi limitofi, Francia, Svizzera, Austria, Germania fanno meglio di noi. Meglio di noi fanno Spagna, Portogallo, Regno Unito , etc. Perfino Brasiele e Sud Africa fanno meglio di noi.
    Nessuno ha usato il green pass in maniera più restrittive di noi, provocando danni all’economia e
    discriminand una minoranza
    usando metodi da “aguzzini”.
    Visto i risultati, Speranza e staff dovrebbero essere sfiduciati.

    R
    le denunce fioccano e ce ne saranno sempre di più, discriminare e etichettare e fomentare l’odio sociale sono cose gravissime e prima o poi devono essere riconosciute e bisogna smetterla altrimenti le condizioni del paese non possono che peggiorare: stanno scherzando davvero con la vita delle persone.

  10. Alessandro, per esperienza personale ho imparato che le pubblicazioni scientifiche vanno lette per intero, e non solo l’Abstract. Bisogna capire con quali regole e in quali condizioni è tato fatto quello studio.
    E forse nessuno dei Paesi citati ha le fisime che abbiamo noi italiani sul tema della riservatezza.
    Quelli che hanno fatto meglio sono stati Cina e Corea, che la riservatezza neanche sanno cosa significa.
    Per contenere i contagi bisogna prima di tutto sapere chi è malato o comunque positivo, e come si è contagiato.
    Noi, invece, sia nella scuola che nelle aziende, abbiamo giocato a mosca cieca, a causa di quella legge restrittiva alla quale non abbiamo avuto il coreggio di derogare neppure in una sitiuazione di emergenza. La nostra app Immuni ha fallito.

    R
    ecco si abbiamo (hanno) giocato a mosca cieca con la vita delle persone, bel risultato! Direi che Sileri (ma quando si fa lo shampoo quello? a mesi alterni?) e Speranza, seguiti da Conte e Draghi hanno “giocato” sulla pelle degli italiani e sulla pelle della democrazia e ancora giocano.
    Anche la Cina ha giocato bene: ha inondato il mondo di un (o più) virus e mai sapremo se e come è “scappato” dal laboratorio.

  11. Signora Gazzato, io non credo che l’operato del Governo e del Parlamento possano costituire reato denunciabile alla Magistratura.
    Ne abbiamo parlato a proposito del processo a Salvini, e vale anche per la gestione del Covid.
    Il Governo risponde al Parlamento, e il Parlamento risponde agli elettori.
    Se rispondessero alla Magistratura la nostra democrazia diventerebbe un’oligarchia con a capo i magistrati, che non sono eletti da nessuno e non hanno nessun mandato popolare in nessuna forma.
    Certo, i singoli membri del Governo sono soggetti alla Magistratura – nei modi previsti dalla Costituzione – se rubano o commettono reati comuni.
    Le decisioni politiche di governo, invece, non possono costituire reato.
    Se no, pensi un po’ quanti denuncerebbero il Governo per danni se aumenta le tasse o introduce regole penalizzanti per il comercio e cose del genere …….
    Purtroppo, l’Italia è il Paese degli avvocati. Ricordo di aver letto che ci sono più avvocati in attività a Bologna che in tutta la Francia.
    Qualcuno che ci prova si trova sempre.
    R
    Luigi forse lei non sa che cosa sta succedendo nel nostro paese, le consiglio di informarsi bene,
    Che il governo “risponda la Parlamento” in questo momento in particolare è forse una barzelletta?

Lascia un commento