Quarantotto

Sempre in campo Berlusconi

non si leva dai…lampioni.

Sempre sotto ai riflettori

ieri stava in ospedale

no paura, non sta male

ma controllo regolare.

Se alla quarta non c’è ancora

chi possa sedere al Colle

spunterà lui come il Folle

ed infin avremo il Papa…

ciò gli passa per la capa.

Sarà meglio di Casini

o dell’altro c’han proposto

non ricordo manco il nome

ma non era adatto al posto.

Alla fine anche Salvini

se ne faccia una ragione

è arrivato il tempo giusto

perché al colle finalmente

vada alfine un presidente

che proviene dalla destra

da mancina  erano tutti

ora è giusto che anche basta.

E se Berlusconi è al Colle

Draghi  che farà li sotto?

Meglio andar subito al voto

o succede il 48.

 

 

 

Leccapiedi

Il mondo è pieno di lecca…piedi. Ce ne sono esempi dovunque, basta guardarsi intorno. E sono proprio loro che inquinano l’atmosfera di questo povero paese.

Diciamo che l’Italia è il paese di poeti, santi navigatori e …leccapiedi.

Dovunque vai ne trovi. Sono difficili da scoprire perché si ammantano spesso di virtù di ogni genere, sono i migliori sponsor di se stessi e siccome a tutti piace essere lodato, molti ci cascano.

Le lodi sperticate ti fanno sorgere, magari, qualche sospetto, ma poi lo metti via perché in fondo tutti, chi più e chi meno abbiamo piacere ad essere lodati.

E più sono sperticate e persino ridicole le lodi e più, i più, le apprezzano. Chi potrebbe anche solo pensare di non meritarsele?

C’è qualcuno che vagheggia e butta lì il sospetto di essere preso per i fondelli, ma poi ringrazia, forbito ed educato il laudatore sperticato perché in fondo ritiene le lodi “equilibrate” e “meritate”, non per nulla ci si da tanto da fare e l’approvazione del “pubblico” o degli amici fa sempre piacere, a tutti.

Non si accorge però, chi ci casca di essere usato. Ma no, in fondo perché poi? Le doti elencate sono sacrosantamente riconosciute da chi ne è oggetto, perché farsi scrupoli o retro pensieri?

Ma si, magari è giusto. Ma, non so perché o forse lo so,  ma a me i laudatori sperticati mi ricordano i serpenti e mi fanno decisamente un po’ schifo, anzi ribrezzo.

Ci devono stare anche i serpenti al mondo fanno parte del creato, ma loro almeno, se ne stanno nascosti, non pretendono di “apparire” e di farsi la nomea di “buono e giusto”, ti tradiscono e ti uccidono in un bip ma sono fatti cosi, la colpa è tua se li vai a sfruculiare o se pensi di “servirtene”.

Io me ne tengo lontano, molto lontano, ho scoperto che lodi sperticate ed eccessive nascondono sempre secondi o terzi fini, vale per gli uomini ma vale ancora di più per le donne.

E poi però, riflettendo, ci vogliono anche i leccapiedi, sono fondamentali per marcare il confine tra l’ipocrisia e un sano ed onesto e spontaneo apprezzamento.

Non ci fossero non esisterebbero tre quarti dei politici nostrani , ma, a pensarci meglio in fondo, non sarebbe poi tanto male.

Difficile però non cadere nella loro rete, lo riconosco, ma, credo, bisognerebbe tenere a mente che possono tramutarsi presto da lodatori sperticati in diffamatori efferati: il passo è molto breve, basta non “apprezzare” anche una sola volta e la musica cambia subito e da melodiosa diventa improvvisamente  cacofonica.

Meditate gente.

Vergogna

So bene che in chi mi legge, per la maggior parte, troverò poca considerazione e empatia, ma signori, forse non ve ne siete accorti ma, con l’ultimo DL o DPCM , il governo mette la parola fine alla Repubblica per instaurare una Monarchia.

Il primo ministro che doveva salvarci dalla sfascio e farci uscire dalla pandemia, non ha fatto che promulgare a raffica Dpcm e DL che hanno di fatto imposto una dittatura sanitaria. IL Parlamento non esiste più!

Il vaccino obbligatorio e le ultime restrizioni per chi non è vaccinato è la prova provata di come questo paese stia scivolando ogni giorno di più in una dittatura.

Ora se uno non ha il GP non potrà accedere a nulla che non sia pura sopravvivenza. Neppure potrà entrare in Posta per ritirare la pensione.

E questo perché? Perché chi non si vaccina ha la peste? No, semplicemente perché a Draghi sta sull’anima quel 10 e anche meno per cento di italiani che non seguono i suoi diktat.

Il vaccino NON ha frenato i contagi, anzi, il GP li ha aumentati, dunque di che parliamo?

Si tratta di capire fino a che punto gli italiani accetteranno questa “narrazione” della pandemia e degli effetti del vaccino e si faranno schiavizzare con pass di ogni tipo per poter fare qualsiasi cosa.

La caccia alle streghe è iniziata da un pezzo ma il popolo sovrano sta a guardare e non solo, ma c’è anche chi scaglia anatemi contro una minoranza che non ha alcuna colpa se non quella di  possedere ancora un barlume di spirito critico.

 

VERGOGNA ITALIA non sei più il mio paese!

Espatriare

Povero Beppe Grillo, mi fa quasi pena. La sua faccia mi ricorda i vecchi film in costume dove il protagonista, l’eroe, cadeva nella polvere sotto i colpi del nemico di turno, ma poi si rialzava e anche malconcio, alla fine vinceva.

Non so se Grillo “vincerà” e riuscirà a spiegare agli inquirenti che lo accusano di traffico di influenze, cioè l’aver favorito l’amico armatore utilizzando il suo ruolo di “garante” e “padre nobile” dei Cinquestelle e discolparsi. Forse si difenderà dicendo che, appunto, lui voleva solo aiutare un amico e non credeva affatto di violare la legge facendogli il favore di chiedere ai suoi parlamentari di promuovere qualche leggicola che lo potesse in qualche modo favorire in un momento di crisi. E dirà, forse, che i contratti pubblicitari erano veri e non coperture per i soldi che l’armatore proprietario della compagnia di navigazione Moby, gli avrebbe dato in cambio.

Si indignerà? Si mostrerà rabbioso e determinato come ai tempi delle sue intemerate nelle piazze strapiene, contro la casta corrotta che stava ammorbando l’aria del bel paese  e che lui e i suoi “fedelissimi” bravi ragazzi avrebbe riportato dalle stalle alle stelle?

Non saprei e neppure me ne importa nulla. A me non è mai piaciuto, non mi ha mai convinto, né lui né i suoi e neppure mi ha mai convinto l’idea che lui e Casaleggio, avrebbero potuto salvare l’Italia dalla corruzione dei politici e fare tutti quei miracoli che, negli anni, lui e i suoi hanno snocciolato come un rosario, sotto gli occhi di tanti italiani  ammirati dalle sue parole e dalle sue prodezze.

Però ora che il suo Movimento è in caduta libera nei consensi anche se sta in Parlamento ed ha il maggior numero di parlamentari, ora che  pure il figlio Ciro è rinviato a giudizio per stupro di gruppo e ora che la pandemia che aleggia sul paese da due anni ha cambiato in peggio molti equilibri in molti aspetti della nostra vita, questa notizia di avviso di un simile reato ad uno che le ha sparate talmente grosse da arrivare ad avere un consenso nel paese come non si vedeva nei riguardi di nessun partito o movimento, da anni e anni, devo dire che, non mi mi meraviglia, non mi dispiace ma mi indigna si e anche molto.

Che le sue cannonate fossero a salve, l’ho pensato fin dall’inizio ma ora, vedere, se verrà confermata l’accusa, come ha menato per il naso tanti italiani, li ha illusi ed ora si scopre che appena arrivato al potere, subito un minuto dopo,  ha usato gli stessi identici mezzucci dei politici che lui ha vituperato per anni e anni e dovrà difendersi davanti ad un giudice di questo, sempre con la stessa faccia che ha mostrato a chi gli ha dato fiducia, fa pena si, umanamente, ma nel contempo la trovo una cosa rivoltante.

Alessandro Di Battista ha detto che  Beppe è un amico e che spera  che riesca a dimostrare la sua innocenza (cos’altro avrebbe potuto dire?), ma dalla faccia mi pareva crederci davvero poco. E pensare alle facce degli esponenti di spicco del movimento che andranno in televisione, riluttanti, a giustificare questa cosa con ogni mezzo, a cercare di difendere l’indifendibile, compreso l’ineffabile e imperturbabile capo del Movimento: l’avvocato Giuseppe Conte (non a caso) in questo momento cosi difficile e delicato è una cosa che mi fa venire voglia di espatriare e non è detto che non ci pensi seriamente.

Atarassia

L’Elevato indagato? Ma no non ci credo. Il co-fondatore del Movimento, avrebbe trafficato con le influenze? Ma come si a fa a crederlo? Ma come si fa a pensare che l’Elevato abbia trafficato con l’ Onorato?

Ma perché poi? Per prendere un po’ di quattrini? Che meschinità!

Lui Beppe Grillo, non può che essere Innocente. Trafficare, tramestare, tramacciare sotto banco e infine guadagnare prestigio sociale e politico con tanta fatica e quando ormai si ha una posizione ben consolidata da Elevato non si dovrebbe approfittarne? Non è reato ma virtù.

Verrà mai condannato l’Elevato? Ma no. E perché mai? Ha trafficato per favorire la Moby? E allora? Cosi fan tutti. Onestamente, possiamo dire che sia una novità?

A noi ormai niente fa più paura, non ci meraviglia né ci indigna più nulla, siamo all’atarassia, sospendiamo il giudizio, abbiamo altro a cui pensare.

 

 

Uno buono

Ci fanno andare tutti ai matti ma poi ci danno il bonus psicologo, bontà loro. Perché no? Anche loro ci devono guadagnare qualcosa da questa pandemia.
Fra poco, dal primo febbraio ci vorrà il pass anche per entrare a casa propria, ci sarà una guardia di Speranza davanti al condominio che lo controllerà e per chi ha la villa ci saranno volontari vicini a turno.
Che meraviglia. Però se poi ti parte la ciribiricoccola ( a molti è già partita anche dalle parti del governo) poco male, ci pensa zio: un bel bonus e te la rifai nuova.
Ma perché non ci vanno un po’ loro dallo psicologo? Anzi direi proprio direttamente dallo psichiatra. Ma solo col pass mi raccomando che il contagio è sempre dietro l’angolo anche dietro la porta del bagno.
Intanto però hanno scooerto che c’è chi si fa ricco col bonus restauri. Beh e allora? I milioni a palate di cemento fanno bene all’economia sommersa dei truffatori ladri mentre gli onesti vadano dalla psicologo ad imparare come si fa a sopravvivere in questo mondo di pazzi. Una categoria che cosi non avrà bisogno di ristori e andranno alla grande, non avranno la coda ma qualche codino si.
Ci sarà prima o poi un giudice che giudicherà i vivi? Solo un grosso meteorite spaziale potrebbbe salvare l’Italia da questi politici indefessi a studiare il modo per farci impazzire.
No, grazie Speranza, del buonopsicologo non ho bisogno ma credo che da certe parti ne servirebbe davvero uno buono.

Ercole Berlusconi

Altro che donna al Quirinale!  Uomini con le “palle” ci vogliono. E Berlusconi le ha. Non c’è alcun dubbio. La sua corsa al Colle più alto lo dimostra: non ha manco il fiatone: che uomo! Mi affascina, devo ammetterlo. Mai votato per lui,  però, caspiterina, non vuol dire che non possa sentirmi attratta da cotanto maschio. Naturalmente parlo in senso traslato, non parlo di attrazione nel senso che comunemente si da a questo termine, no, non è il mio tipo.
E neppure attrazione politica, no, neppure il suo partito mi attrae (ma ora come ora non ce ne sono che mi attraggono, forse deve nascere, mah, chissà…).
No, semplice umano riconoscimento di “pallosità” di tenacia, di costanza nel volere a tutti i costi dimostrare ancora e ancora, l’attaccamento al suo amato paese.
E’ questo che mi piace di Berlusconi: l’attaccamento! E’ più “collante” lui di qualsiasi colla sul mercato.
Lo vedremo seduto o meglio “assiso” sulla poltrona più alta e onorifica e dalla quale si spazia sul mondo?
Sarà anche lui un “ombelico del mondo” almeno per i suoi “sudditi” italiani (se diventerà “re)?
Berlusconi può tutto, anche comprarsi…ehm intendevo, aggiudicarsi la poltrona più onorevole ed onerosa che ci sia in Italia.
In fondo se la merita no? Quanto ha lottato per arrivarci?
Al suo confronto Ercole è un bambino, un poppante, un cucciolo.
Massì, “basta che ce sta ‘o sole, che c’è rimasto o mare…”
E poi, “chi ha avuto, ha avuto ” con quel che segue.
Simmo e Arcore (italia, Mondo), paisà, scurdammoce ‘o passato.

Il sindaco chiede scusa…

Ci sono due fermati per le violenze avvenute a  MIlano su molte donne, da parte di un gruppo di mascalzoni tutti giovanissimi. Poca eco è stata data alla notizia: donne che stavano festeggiando (non so che cosa ci fosse da festeggiare) il capodanno e che sono state assalite con violenza, alcune stuprate e altre derubate.

Pare che le denunce siano arrivate in massa e che però non siano tutte e che ci sia anche chi non è andata a denunciare il fatto. Non mi meraviglia affatto: la paura di essere sottoposte a interrogatori infiniti e inconcludenti è un valido deterrente.
Bella roba!
Ne parlano i giornali stranieri, ci facciamo davvero una gran gran figura.
I fermati sono due stranieri e si dice che il gruppo degli indagati sia formato in maggioranza da stranieri italianizzati. Ma, pare, non siano ancora stati identificati tutti..
Non cambia certo la gravità dell’accaduto. Lo schifo e la totale mancanza di controlli da parte delle Forze dell’Ordine.
Un paese allo sbando che permette che le donne vengano pubblicamente rapinate e violentate in una delle piazze più famose al mondo sotto gli occhi di tutti.
E la “scomparsa” di donne ritrovate cadaveri, è all’ordine del giorno e non fa più notizia. Un paese ancora immerso nell'”emergenza” dopo un tempo infinito che non sa guardare ad altro a parte le astruserie funamboliche dei politici e delle loro sfrenate ambizioni personali, e dove succedono fatti ignobili come questi, non è più un paese civile, se mai lo è stato.

Happy hour

Boris Johnson ha avuto la sua happy hour durante il lockdown duro nel maggio del 2020 a Downing street al nr.10.
Ed ora ha la sua unhappy hour in Parlamento. L’opposizione chiede la sua testa.
Se ne vada, ha infranto le regole da lui stesso emanate e in più si giustifica dicendo che non aveva capito che era un party ma credeva fosse un incontro di lavoro.
Già, in giardino e con i tavolini pieni di leccornie e ospiti a gò-gò…semi ubriachi.
Ha il senso del ridicolo all’incontrario, è fatto cosi.
Basta vedere il taglio di capelli che indossa: sembra un mocio rovesciato e ossigenato.
Chiede scusa, si difende, piange anche un po’, dice: sono stato un cattivone ma perdonatemi, non lo faccio più…
Penso a cosa succederebbe da noi se al suo posto ci fosse Mario Draghi.
Ma no, macchè, non si fanno party a Chigi e se si fanno sono tutti greepassati e compassati e si brinda al massimo col tè delle cinque.
E poi lui risponderebbe che sono fatti suoi e non fate domande che tanto non rispondo.
Povero Boris, lo vedo malconcio e un po’ rintronato, come ne uscirà? Troverà una via d’uscita?
Ma come si esce da una cosa così?
La vedo dura. Questa volta non c’è exit strategy che tenga, mi sa che l’unica via d’uscita è quella del portone del number ten. Dal retro però.

 

 

Pubblicato oggi (15.1.2022) su Italians del Corriere delle sera

Sforzo

Ha parlato solo per dirci che i “novax” sono la causa del disastro italiano. La colpa è tutta loro. Draghi disse.

Eccoli, ormai trattati come appestati, definiti in ogni modo offensivo e tra loro ci sono persone plurilaureate con master e carriere davanti e dietro le spalle. Ma non conta.

Quello che conta sono i numeri!

Però quando si tratta di spiegare numeri che danno risultati contrari al pensiero unico, allora dicono che vanno capiti e interpretati.

Capito?

Siamo messi così. Inibiti a tutto i novax e in confusione totale per regole incomprensibili e contraddittorie, tutti gli altri.

Sono pochi i novax ma sono micidiali. Perché? Ma proprio perché sono pochi e se si ribellano sono come formiche, baste pestarli e se ne tornano dentro i loro antri.

Sono minoranza nel paese e sempre più minori dei “maggiori” che tutto hanno capito e che però ora capiscono poco di quello che si può fare o non fare ma non protestano, troppa fatica. Insomma la tempesta perfetta, lo Stratos della TOS. Cos’è? Beh basta aprire quello li che sapete e si trova eddai su un po di sforzo che diamine. Apre la mente, lo sforzo della mente.