Vergogna!

Che pena! Che vergogna!
Arrestata come una criminale. mentre dei  cretini gridano “venduta” e “ti devi vergognare”.
Lo aveva messo nel conto e non poteva più aspettare, l’hanno costretta a mettere in moto e portare la nave in porto. E lei lo ha fatto senza paura.
Non è un’eroina è solo una donna coraggiosa e consapevole che quel braccio di ferro con Salvini era estenuante e assurdo.
Arrestata come una criminale. Aveva lo sguardo di una che sa che il mondo può impazzire ma lei deve rimanere calma. Una che ha scelto di lasciare la sua vita fatta di comodità e di agi per salvare vite umane ha una consapevolezza  ed una determinazione superiori. E lo sta dimostrando.
Rischia la galera. lei, rischia la galera.
E per cosa? Per aver salvato delle vite umane da morte certa.
Ma che razza di schifo di paese stiamo diventando?
Questa ragazza è una bella persona, una di cui non ci dimenticheremo facilmente, una che può insegnare umanità e senso del dovere, una che conferma quanto il mondo sia in preda ad una tremenda crisi di identità e di nervi.
Trattata come una criminale quando abbiamo criminali veri che fanno una vera e propria tratta di bambini somministrandogli scosse elettriche, gente che maltratta malati nella case di cura o bambini negli asili, gente che usa le istituzioni pubbliche come centri di potere e la fa franca per anni, politici che promettono la luna e poi non sanno garantire neppure la sopravvivenza dello stato.
La corruzione a tutti i livelli che ci sta portando sul lastrico e noi ce la prendiamo con lei: una” Circe al soldo delle forze del Male”?
Vergogna Italia!

 

 

2 commenti su “Vergogna!”

  1. Forti coi deboli e deboli coi forti.
    Il ministro Salvini non rinuncia alla immunità ed evita il processo per sequestro di persona, la comandante Carola salva delle vite umane ed entra in porto sicuro, e viene tratta in arresto.
    È il trionfo dell’ipocrisia formale, e la negazione di ogni pietà umana.
    RISPOSTA
    sintesi perfetta di questa storia assurda e di un ministro per caso che si crede Sandokan.

  2. “”- Benvenuto al pronto soccorso dell’ospedale di Firenze.
    – Buongiorno. Ho trovato questo tizio sanguinante per strada, ha fatto un incidente stradale, è grave.
    – Ma perché l’ha portato qua? Poteva portarlo a Pisa…
    – Come a Pisa? L’incidente l’ha fatto a Scandicci, l’ho caricato e l’ho portato all’ospedale più vicino.
    – Eh ma non va mica bene. Mica possiamo prenderli tutti noi.
    – Come non potete prenderlo voi? Siete il pronto soccorso di un ospedale…
    – Perché ogni tanto qualche ferito non lo portate anche all’ospedale di Milano o di Torino?
    – Ma che ne so, sarà particolarmente pericoloso lo svincolo a Scandicci, la gente si fa male e la portano qui.
    – Beh lei qui non lo può lasciare, #chiudiamoleporte.
    – Ma sta sanguinando, sono qui da un’ora ormai.
    – Infatti lei è un criminale, in quest’ora poteva averlo già portato a Pisa. Se muore è colpa sua!
    – Colpa mia? L’ho portato all’ospedale più vicino e non lo volete ricoverare…
    – Perché si incaponisce a volerlo farlo ricoverare proprio qui? Non avrà degli interessi economici?
    – Ma come interessi, sono qui con la mia macchina, ho trovato un ferito, l’ho soccorso.
    – Ora che la vedo la sua è proprio una bella macchina. Mi sa che è ricco. Un riccone perditempo che porta feriti all’ospedale di Firenze per destabilizzare politicamente l’amministrazione comunale. La sua è una manovra politica!
    – Politica? Ma io neanche la conosco l’amministrazione di Firenze, io sono di Bologna…
    – Ah è di Bologna?! E viene a portare i feriti qua?! Ce l’ha proprio con Firenze! Perché non se lo porta al suo ospedale?
    – Ma siamo a Firenze, l’incidente è avvenuto qui, Bologna è oltre l’Appennino, ci vuole un’ora e mezza!
    – Un’ora e mezza è già passata, faceva tranquillamente in tempo ad andarci, si vede che per lei attaccare il Comune di Firenze è più importante di salvare la vita al ferito! Assassino! Si deve vergognare!…”””
    Questo post di un social mi sembra rappresenti un po’ ironicamente ma non troppo L arte di rigirare la frittata ( direbbe mia nonna)

    RISPOSTA
    L’esempio è surreale (speriamo) ma calzante. Anche la Sea Watch è un “ambulanza del mare” e quello che ha fatto Salvini assomiglia molto a questo racconto.

Lascia un commento