Ercole Berlusconi

Altro che donna al Quirinale!  Uomini con le “palle” ci vogliono. E Berlusconi le ha. Non c’è alcun dubbio. La sua corsa al Colle più alto lo dimostra: non ha manco il fiatone: che uomo! Mi affascina, devo ammetterlo. Mai votato per lui,  però, caspiterina, non vuol dire che non possa sentirmi attratta da cotanto maschio. Naturalmente parlo in senso traslato, non parlo di attrazione nel senso che comunemente si da a questo termine, no, non è il mio tipo.
E neppure attrazione politica, no, neppure il suo partito mi attrae (ma ora come ora non ce ne sono che mi attraggono, forse deve nascere, mah, chissà…).
No, semplice umano riconoscimento di “pallosità” di tenacia, di costanza nel volere a tutti i costi dimostrare ancora e ancora, l’attaccamento al suo amato paese.
E’ questo che mi piace di Berlusconi: l’attaccamento! E’ più “collante” lui di qualsiasi colla sul mercato.
Lo vedremo seduto o meglio “assiso” sulla poltrona più alta e onorifica e dalla quale si spazia sul mondo?
Sarà anche lui un “ombelico del mondo” almeno per i suoi “sudditi” italiani (se diventerà “re)?
Berlusconi può tutto, anche comprarsi…ehm intendevo, aggiudicarsi la poltrona più onorevole ed onerosa che ci sia in Italia.
In fondo se la merita no? Quanto ha lottato per arrivarci?
Al suo confronto Ercole è un bambino, un poppante, un cucciolo.
Massì, “basta che ce sta ‘o sole, che c’è rimasto o mare…”
E poi, “chi ha avuto, ha avuto ” con quel che segue.
Simmo e Arcore (italia, Mondo), paisà, scurdammoce ‘o passato.

10 commenti su “Ercole Berlusconi”

  1. Secondo il politologo Gianfranco Pasquino -professore Emerito di Scienza politica e socio dell’Accademia dei Lincei- Berlusconi avrebbe tre possibilità:
    -Non accettare la proposta della destra, se capisce di non avere i numeri:
    -Accettare e andare fino in fondo, se ha i numeri
    -Competere comunque nella speranza di trovare i numeri via facendo.
    Scartata la terza possibilità perché non sopporterebbe l’affronto di una bocciatura, resterebbero le altre due. Nel primo caso si farebbe da parte indicando lui il candidato che sarebbe ovviamente di destra (Letta? Ma non Enrico, bensì Gianni).
    Ma Pasquino è propenso a credere che Berlusconi andrà fino in fondo, convinto di avere i numeri. Franchi tiratori permettendo.
    Intanto le sinistre dormono o sbraitano.

    R
    Beh, che sia convinto di avere i numeri non ho dubbi. Che voglia andare fino in fondo anche, che ci sia Letta a cercare di dissuaderlo anche…ma come finirà nessuno può dirlo ed è sconcertante che si sia arrivati a questa surreale discussione.
    Comunque Salvini sta già sparando…

  2. Ma insomma una personalità di alto livello che metta d’accordo tutti?
    Ma ce l’abbiamo! Ha il profilo giusto ed è l’uomo della provvidenza che ha messo d’accordo i due nemici e sostenuto due governi in piena emergenza ed ora sta li a balbettare frasi incomprensibili ai suoi che tanto non lo ascoltano neppure con le cuffie.
    Chi é?

  3. Indovina indovinello
    chi balbetta -ciuffo in fronte-
    sarà mica il nostro Conte?

    R
    era facile lo ammetto
    si, è quello col ciuffetto.

  4. Grandi manovre per eleggere il Presidente:
    mi sa che Salvini, dopo la scenata del veto, alla fine appoggerà Draghi al Quirinale, in cambio di una guida di governo leghista con appoggio legopiddista.

    R
    mammamia! grandi manovre si sembra il D day. Una ne pensano e cento (non) ne fanno, soprattutto i grillini divisi anche sul ristorante dove incontrarsi per litigare.
    Una cosa però mi pare chiara: comunque vada spero che Draghi vada a casa: non vedo dove potrebbe stare meglio (per noi).

  5. “…spero che Draghi vada a casa…”
    Dovrebbe cadere il Governo.
    E se non ci sono nomi per la Presidenza, figuriamoci per la Governanza.
    R
    già perché secondo te Draghi sta facendo bene? ma se stiamo peggio di tutti. Sta bene a casa, dopo chi viene si vedrà, lui non sta governando coi “migliori” e si è dimostrato sempre più incapace di gestire tutto l’ambaradan, non che sia facile ma qualcuno prima o poi dovrà rispondere di molte cose e spero che quel giorno arrivi presto. M a non vedi come sono diminuiti i commenti qui e sono spariti i maggiori sostenitori delle teorie (perdenti) sulla pandemia del governo e del generale vaccinatore che è sparito dai radar? Ti sei chiesto come mai?

  6. Mi pare poco dignitosa questa consultazione di Draghi con gli esponenti dei partiti, ma la Presidenza delle Repubblica è diventata pratica di commercio?
    R
    mi pare che fin dall’inizio Draghi abbia tramacciato proprio per finire al Colle, altrimenti chi glielo avrebbe fatto fare di prendersi una simile patata bollente?

  7. “…secondo te Draghi sta facendo bene?…”
    Non è quello che penso io il punto.
    Draghi sta FACENDO. E’ il capo del Governo e governa, ha dei piani e li mette in pratica, deve decidere e decide. Il povero Conte, sorpreso dallo tsunami mentre era al gabinetto, si tirò su le braghe e fece lo stesso.
    Gli altri parlano, negano, criticano, si oppongono, protestano e marciano. Al massimo proclamano “buttate via Draghi ( e prima di lui Conte) e mettete me”, ma per fare COSA nessuno si sbottona. I politici “veri”, gli ideologi, queli con la “visione complessiva”, la vista lunga e la cultura a sostenerli non ci sono più, la sinistra ha pugnalato e buttato via Veltroni e la destra ha cancellato col “fuoco amico” Fini, e così ci siamo giocati due risorse moderne, preparate e slegate da fax, ciclostile e Giovinezza Giovinezza – al loro posto vecchie mummie, boiachimolla e bimbiminkia da happy hour.
    Devi perdonarmi, io sono “antico”, ragiono valutando soldoni, mattoni, robe che si toccano. I richiami ai “sacri libri” mi lasciano indifferente, i ditini e i ditoni agitati in aria mi insospettiscono, l’assenza si proposte creative e realistiche mi immalinconisce.
    Vorrei solo ricordare che Draghi OGGI può fare il cavolo che gli pare anche e soprattutto fuori dal provincialismo paesano della politica italiana. Lo aspettano a braccia (e portafoglio) aperto dappertutto, a Bruxelles tengono in caldo ficus, scrivania e segretarie, la Banca Mondiale gli ha già preparato gli snack preferiti, e così via. Parafrasando Rambo (come sempre) non è lui ad avere bisogno di noi ma noi ad avere bisogno di lui….:-D
    R
    a me francamente non pare di avere bisogno di lui, se ha tutte queste porte aperte…le infili.
    Ma io ho come l’impressione che questo “fare” gli sia servito soprattutto per cercare un taxi per il Colle.
    Che lo abbia trovato non è ancora detto: l’infilata di Bianche di oggi non è detto che porterà a eleggere lui. Oppure torni al paesello a dare party in terrazzo.

  8. X sra Gazzato: i commenti sono diminuiti ed i sostenitori spariscono perchè lei li cestina. Coraggio un pò di onestà intellettuale!

    R
    Bianchi l’onestà intellettuale le dovrebbe impedire di scrivere di queste sciocchezze, lei sa bene perché viene spesso cestinato.

Rispondi a mariagrazia gazzato Annulla risposta