Sforzo

Ha parlato solo per dirci che i “novax” sono la causa del disastro italiano. La colpa è tutta loro. Draghi disse.

Eccoli, ormai trattati come appestati, definiti in ogni modo offensivo e tra loro ci sono persone plurilaureate con master e carriere davanti e dietro le spalle. Ma non conta.

Quello che conta sono i numeri!

Però quando si tratta di spiegare numeri che danno risultati contrari al pensiero unico, allora dicono che vanno capiti e interpretati.

Capito?

Siamo messi così. Inibiti a tutto i novax e in confusione totale per regole incomprensibili e contraddittorie, tutti gli altri.

Sono pochi i novax ma sono micidiali. Perché? Ma proprio perché sono pochi e se si ribellano sono come formiche, baste pestarli e se ne tornano dentro i loro antri.

Sono minoranza nel paese e sempre più minori dei “maggiori” che tutto hanno capito e che però ora capiscono poco di quello che si può fare o non fare ma non protestano, troppa fatica. Insomma la tempesta perfetta, lo Stratos della TOS. Cos’è? Beh basta aprire quello li che sapete e si trova eddai su un po di sforzo che diamine. Apre la mente, lo sforzo della mente.

 

 

25 commenti su “Sforzo”

  1. Quanto insulso vittimismo. Voi antivaccino siete solo dei poveri sprovveduti dannosi per gli altri. Unico commento che vale la pena di fare. Ed è pure l’ultimo.

    R
    peccato, lei è l’esempio perfetto di come si può travisare quello che si legge ma non si capisce o non si vuole capire.

  2. “La propaganda massmediatica può smuovere e indirizzare odio, spnze o paure di milioni di persone contro qualcosa o qualcuno”.
    Letta in un saggio sull’uso propagandistico dei media.
    Luigi Facchin mi pare ne sia vittima.
    Questo governo sta dimostrando la rigidità tipica dei regimi, nonché un certo grado di ottusità nella lettura delle statistiche. In un altro mio commento ho mostrato come tutti gli stati confinanti col nostro, stanno facendo meglio di noi pur non seguendo certe regole inutilmente restrittive e vessatorie adottate dall’Italia, come il green pass, il super green pass e l’obbligatorietà di vaccino per gli over 50.
    Lo stesso Regno Unito sta facendo meglio di noi, trattando la popolazione col rispetto dovuto. Il nostro governo invece ci tratta da poveri irresponsabili, insistendo in una strategia perdente.

  3. Rispondo al messaggio di apertura.
    Premesso che è ovvio che i non vaccinati fanno più danni dei vaccinati, non mi pare che chi contesta Draghi suggerisca soluzioni migliori.
    Mi sembra che propongano solo di non fare.
    Applicare più rigorosamente le regole e fare più controlli? Sarebbe utile, ma non è che un popolo cambia mentalità da oggi a domani. Noi siamo fatti così.
    Avevo obiettato alle affermazioni di Alessandro e le leggo riproposte tali e quali. Dialogo tra sordi.
    Ormai penso che continuare a discutere sul Covid sia improduttivo.

    R
    cosa significa? Non vedo come si possa “riproporre concetti tali e quali”.
    Oppure Luigi lei pensa che i suoi post debbano essere considerati dogmatici? Vangelo, in pratica. Non funziona cosi sa, nelle discussioni.

  4. Luigi, ecco cosa doveva fare il governo Draghi con sollecitudine, cosa che non ha fatto: le terze dosi a partire dei più anziani, prima che la seconda vaccinazione perdesse di efficacia. È quello che hanno fatto Israele e anche il Regno Unito.
    Doveva poi spingera con la terapia della “monoclonali” cosa che non ha fatto è che avrebbe salvato la vita a molti contagiati.
    Il “dialogo tra sordi” è solo oerchi non vuol sentire.

  5. Ogni tanto mi capita di seguire Myrta Merlino a L’aria che tira su La 7, oggi per esempio, la stavo guardando mentre intervistata i soliti esperti e altri tra cui l’onorevole Francesca Donato. Lei, come si sa è parlamentare europea e si batte per i diritti di chi ha deciso in Italia di non vaccinarsi pochissimi ormai data la persecuzione cui sono sottoposti. Naturalmente ormai etichettati tutti come “novax” e “criminali untori”.
    Ora pare che, dopo una vaccinazione massiccia e quasi totale della popolazione, la situazione sia alle peggiori, peggio che mai nonostante il vaccino somministrato a quasi tutti gli italiani che hanno aderito in massa.
    Rimane qualcuno vituprato ormai in tutti i modi possibili e ignobili e indegni di un paese cosiddetto civile e democratico, che di democratico non ha più nulla.
    Nulla. Si parla persino di non curarli, di lasciarli morire.
    La giornalista Merlino è sempre molto ridente e quasi ridanciana, ma chiaramente invita queste ormai poche persone che ancora credono nellla democrazia solo per “sputtanarle” (scusate il francesismo).
    Metterle in berlina, zittirle, chiamare la pubblicità.
    Si avvale di “amici” giornalisti che le danno una buona mano…
    Non la guarderò mai più, è tempo perso. Si chiama giornalismo questo?
    Io lo chiamerei in un altro modo ma mi trattengo.
    Colgo l’occasione per ringraziare l’onorevole Francesca Donato per il suo impegno per la salvaguardia dei diritti umani e della democrazia, spero non si lasci scoraggiare da questo clima di odio e da questa strisciante dittatura mediatica e non.

  6. Non ho mai visto in televisione una simile sfilata di esperti come in questi ultimi terribili anni segnati si dalla pandemia o epidemia di Covid ma altresì dall’arrivismo, dalla supponenza e dall’arroganza e non ho mai visto una tale infilata di corbellerie uscite dalle bocche di buona parte di essi, affermazioni apodittiche, smentite, pulpiti preparati e rimossi nottetempo…e facce tante facce prima sconosciute assurte alla ribalta degli schermi come divi del cinema o superstar dello spettacolo.
    Un circo, un baraccone, per la maggior parte riempito di funanboli dalla parola facile ma dalla sostanza minima. Non tutti e non sempre, ovvio, ma la generalità, purtroppo alla quale si è unita un codazzo infinito di comprimari alla spasmodica ricerca di notorietà
    Ecco dunque, mai come in questo momento la “scienza” è fatta di illusione e illusionisti.
    E ha fornito il destro ai funamboli della politica per instaurare un regime, ai pseudogiornalisti per riempirsi la bocca e la panza di pseuodoteorie uguali e contrarie e in contraddizione tra loro e di dire e disdire qualsiasi grande o piccola corbellerie e dimostrare supina condiscendenza al potere.
    Una vera porcheria.

  7. Non potevo credere che i timori di Kafka espressi nel Processo e quelli di Orwell descritti in 1984, potessero trovare terreno fertile di applicazione nelle nostra Italia !

  8. Se lei prende come riferimento la Francesca Donato vuol dire che è proprio a terra.
    Quella che voleva sostenere che David Sassoli è morto causa vaccino Covid.

    R
    Francesca Donato è una europarlamentare, non la prendo come riferimento e non ho bisogno di riferimenti. Ma la posto qui perché mi piace. Si, mi piace il suo modo di difendere i diritti umani, fa parte del suo dovere di parlamentare europeo e lo fa con molta grazia ma anche con molta fermezza, non ho alcun bisogno di riferimenti Sivia, so giudicare e interpretare le cose da me, l’ho imparato dalla vita che, come per tutti noi (chi più chi meno) mi ha insegnato molte cose e non senza fatica. Non si impara mai abbastanza e ci sono persone che si sentono di affrontare la vita prendendo solo quello che da e scartando il resto ma ci sono persone che la vivono anche impegnandosi per combattere le ingiustizie e sono davvero tante, soprattutto in questo momento, più di sempre, se possibile.
    Lo faccia anche lei, abbandoni quel tono supponente di critica di chi sa e vede tutto e si permette di pontificare dall’alto, non le si addice, secondo me lei avrebbe molto da imparare da Francesca Donato.

  9. Non so chi sia questa “signora” con gli occhiali blu che sembra una invasata, ma guardate l’impegno che mette nell’offendere Francesca Donato che è una persona estremamente corretta e che viene assalita da ogni parte in maniera vergognosa solo perché difende i diritti umani e questo sarebbe giornalismo?

  10. La signora Gazzato scriva: “cosa significa? Non vedo come si possa “riproporre concetti tali e quali”.
    Oppure Luigi lei pensa che i suoi post debbano essere considerati dogmatici? Vangelo, in pratica. Non funziona cosi sa, nelle discussioni.”

    Io penso che, in una discussione, si tiene conto di quello che hanno scritto gli altri, magari contestandolo, ma non ignorandolo.
    Altrimenti non è un sito di discussione. E’ una bacheca.

    R.
    ma lei pensa di essere solo a scrivere? e che io possa seguire e ricordare tutti i commenti? Riproduca la frase e poi indichi chi la scrive e però se non ottiene risposta non può certo pretenderla.

  11. Caro Alessandro, non ricordo che su queto blog si sia mai parlato di terza dose, e tanto meno di anticiparla. Col enno di poi siamo tutti bravi.
    Alcuni Paesi hanno puntato sulla terza dose, altri no. L’Italia ha avuto una condotta intermedia.

    E poi, mi pare un po’ contraddittorio sostenere che la vaccinazione non è necessaria e poi dire che ci voleva la terza dose subito.

    R
    Non faccia polemica e si attenga ai temi e sia più chiaro, nessuno è obbligato a risponderle.
    E comunque la terza dose non è il (solo) problema visto che anche i vaccinati contagiano e vengono contagiati, il problema è chi ha pensato che vaccinarsi lo rendesse un supereroe con la corazza ma non è cosi e il governo ne ha la colpa maggiore.
    PS: questo è il blog di mariagraziagazzato Luigi, lo tenga in mente quando ci scrive.

  12. Eddai! Ma non lo capite che se un vaccinato ha possibilità di essere contagiato a Uno un non contagiato ce l’ha a Dieci? E cosa parlate di terza dose voi che non volete neanche la prima?

    R
    chi è “Voi”? Paolo si rivolga in prima persona a chi sta parlando? E non dia numeri, lei chi è, quale autorità ha per darli? E’ virologo anche lei forse? O legge i dati che le propina il governo col paraocchi? Porti le prove certe di quanto afferma!
    E poi, di che ha paura? Di perdere i superpoteri?

  13. Io lo chiamerei “coercizione vaccinale” altro che green pass.
    E ciò mentre i maggiori paesi democratici cercano di allentare le restrizioni: la Corte Suprema negli Usa boccia l’obbligo vaccinale imposto da Biden alle grandi aziende; la Gran Bretagna si appresta ad abolire il green pass per le discoteche e i grandi eventi; in Francia è stato dichiarato illegittimo l’obbligo di mascherina all’aperto e il Parlamento ha respinto l’introduzione del green pass proposto dal governo; in Spagna vorrebbero trattare il virus come un’epidemia.

    R
    solo da noi siamo alla persecuzione del “popolo sovrano” e stiamo facendo peggio di tutti, cosa deve succedere ancora perché il governo vada a casa?

  14. Purtroppo per valutare chi ha fatto meglio o peggio degli altri bisognerà aspettare la fine – speriamo che ci sia – dell’epidemia.
    Allora si tireranno le somme dei morti, degli invalidi permanenti, delle aziende fallite, delle persone ridotte in miseria.
    Ci sono Paesi che sono partiti male e poi hanno recuperato, e altri partiti bene che poi sono finiti male. Tutti vanno avanti per tentativi.
    Per ora chi ha fatto meglio di tutti è stata la Cina, che, potenzialmente, sarebbe dovuta essere il Paese più colpito al mondo.

  15. Cara signora Gazzato, c’è un modo di dite toscano, anzi, specificamente senese: “fare come il riccio al serpe”.
    Il serpe, che a Siena era un sostantivo maschile, per passare l’inverno, si era rifugiato in una tana nel terreno dove si trovava già un riccio.
    Il riccio era seccato per l’intrusione, anche perché la tana era angusta, però non voleva apparire sgarbato o prepotente chiedendo al serpe di andarsene.
    Così cominciò a girarsi e rigirarsi nella tana, facendo finta di niente, come se non trovasse la posizione comoda.
    Ad ogni movimento, però, gli aculei pungevano il serpe, che, alla fine, decise che era meglio cercarsi un’altra tana.

    R
    la passo ma non capisco a chi o a cosa si riferisce. Se volesse essere pià chiaro invece che fare gli indovinelli…

  16. Signora Gazzato, forse, perché il governo vada a casa, si dovrebbe materializzare la prospettiva che possa essere sostituito da un governo migliore.
    Lei la vede questa prospettiva? Io, francamente, no.
    Dopo i danni provocati dai “non governi” gialloverde prima e giallorosso dopo, che hanno introdotto riforme demagogiche invece di metter mano a quelle necessarie, non mi vorrei trovare con i neroverdi, o con qualche altra associazione di fantasia.
    Per lo meno, vorrei che l’epidemia e i finanziamenti europei fossero gestiti da qualcuno con la testa sulle spalle e senza velleità ideologiche.
    Poi usciremo a riveder le stelle …..

    R
    signor Luigi, prima o poi gli italiani saranno chiamati a votare (quando staccheranno il sedere da quelle poltrone) e allora forse gli italiani potranno dire la loro, finora abbiamo assistito solo a inciuci tra nominati.

  17. Quando gli italiani hanno potuto dire la loro hanno mandato al governo grillini e legaioli.
    Un precedente entusiasmante.
    Inoltre, per votare bisogna scegliere tra una rosa di candidati: dove sono quelli meritevoli, e chi li presenta?
    Per dire, per la presidenza stanno parlando di Berlusconi: il nuovo che avanza, wow.

    R
    sono d’accordo: un paesaggio sconfortante, i grillini sono la peggior casta mai vista: poltronari ipocriti che ora dopo aver aperto la scatoletta di tonno sono pronti a mangiarsi persino quello che consideravano “il male assoluto” Berlusconi ,ora non è più assoluto ma solo “il male minore” per rimanere incollati li, nessun rospo è abbastanza grosso ormai si ingoiano qualsiasi cosa: uno spettacolo indecente, Non meno indecente la Lega e a seguire tutti gli altri a cominciare da PD traditore di tutti i propri principi che dovrebbe scomparire (a mio parere) dalle schede elettorali tanto sono ipocriti e fasulli. Per il resto…peggio mi sento dovunque mi giri.
    Ma …l’alternativa è ritornare indietro al tempo in cui non era possibile neppure votare e non sarebbe auspicabile.

  18. Sig. Nencioni: Tranquillo Nencioni . Berlusconi non sara mai Presidente.Ma non perchè non ha i voti. Sarà piuttosto lui a ritirarsi all’ultimo momento. Berlusconi è intelligente e sa che non sarebbe possibile che il suo faccione pendesse dalla pareti degli uffici giudiziari. Così come se venisse in visita il presidente egiziano dovrebbe evitare di parlare del”past president” Mubarak e della sua famiglia. Berlusconi è lo spaventapasseri della destra che ha la grande occasione e tirera fuori il nome vero all’ultimo minuto. E Letta, per lo scampato pericolo, accetterà. La destra nom vuole un altro presidente di sinistra. Io invece, che pure vedo la sinistra come il male assoluto, vorrei al Quirinale un uomo serio umano vero e vivo come Bersani

    R
    infatti la destra ha pronti 101 (Gian)franchi tiratori

  19. Mentre in UK e altri paesi si allentano regole già molto più lente che da noi, oggi arriva un nuovo DM che complica ancora la vita alle persone e impedisce l’ingresso a certi negozi altri negozi (ormai pura sopravvivenza e fra poco neppure quella) a chi non è vaccinato (ormai pochissimi). Se persino Bassetti dice che questa è una massa di regole e regolette che complica la vita alla gente, vuole dire che siamo davvero al punto di non ritorno della incongruenza del governo che senza nessun esito positivo ma con il peggior risultato al mondo continua imperterrito a vessare i cittadini.
    Lo trovo mostruoso, un paese incapace di guardare la realtà con un numero mostruoso di vaccinati che imepdisce la vita “minima normale” ai suoi cittadini è un paese ingovernato o peggio, sgovernato da chi con supponenza ed arroganza crede di poter vessare le persone senza limiti.

  20. Bianchi, su Bersani non sono d’accordo. E’ ancora vicino all’utopia comunista, e sarebbe preso in giro, come persona, quasi quanto Berlusconi.
    Le sue metafore lo hanno reso una macchietta.
    Non mi pare neppure che abbia lasciato un buon ricordo come ministro dell’economia.
    Ricordo la sua iniziativa di moltiplicare le sale scommesse e incentivare il gioco per aumentare le entrate dello Stato. (Lavorai anche io alla preparazioone delle gare).
    Si sarebbe potuto inventare qualcosa di meglio.

    R.
    neppure a me piace più. Si è rivelato meschino. E spiego perché:
    Questo è lo statuto del suo partito:
    “Articolo Uno è un partito politico italiano di sinistra fondato il 25 febbraio 2017. Il partito sostiene la centralità del lavoro, i nuovi diritti, la piena uguaglianza, l’integrazione europea, la laicità, la giustizia sociale, la non-violenza e la salvaguardia dell’ambiente”

    Lui e Speranza (soprattutto) hanno fatto carta straccia dei valori fondativi per loro partitino. Bersani è una brava persona a me è sempre piaciuto ma la sua adesione al governo Draghi e la mancanza totale di critica nei confronti di norme a mio parere che nulla hanno a che fare coi valori democratici, mi hanno fatto perdere la fiducia e in parte anche la stima che avevo di lui, con molto dispiacere, aggiungo.

  21. Luigi: Ho detto Bersani perchè ho un pò voglia di umanità. Ed onestà. Se uno deve essere il mio Presidente un pò mi deve piacere. Posso dire che Scalfaro non mi scaldava il cuore e che Napolitano mi dava fastidio fisicamente? E posso anche dire che Pertini, malgrado fosse partigiano fino al midollo, lo sentivi vivo? Posso dire che la Moratti, ancorchè della mia parte politica, con tutti i suoi miliardi ed il suo potere la sento lontana da me milioni di anni luce? Se poi a me piace Bersani e a te no, bè tante grazie della tua opinione.

    R
    mi pare che sulla vitalità di Pertini ci sia poco da eccepire.

Lascia un commento